Hypnosis

Dott. Antonello Viola

 

 -  Ipnosi regressiva e PLR  -

 

 

 

 

 

 

Home

Biografia

Consulenza psicologica

Ipnosi terapeutica

Consulenza Ipnoterapica

Ipnosi regressiva e PLR

Libri

Contatti

 

 

I contenuti di questa pagina web sono protetti da copyright: ne è pertanto vietata la riproduzione. Riferimenti a stralci e brevi estratti dal testo sono consentiti soltanto a condizione che essi si rifacciano palesemente all’autore, menzionandone il nome e l’opera, secondo le regole codificate per la redazione dei riferimenti bibliografici. In questo caso specifico tali riferimenti sono i seguenti:

 

Viola, A. (2005). Modelli recenti di ipnositerapia, ulteriori sviluppi teorici e ultime interpretazioni neurofisiologiche dell’ipnosi, in Manca Uccheddu, O. e Viola, A., Ipnosi e suggestione in psicoterapia. Milano: Giuffré editore.

 

Viola, A. (2005). L’ipnosi regressiva, in Manca Uccheddu, O. e Viola, A., Ipnosi e suggestione in psicoterapia. Milano: Giuffré editore.

 

Viola, A. (2005). Ipnosi regressiva e PLR.

Dal web, in http://www.antonelloviola.com/ipnoregressiva.htm

 

Ipnosi regressiva

Lipnosi regressiva costituisce una delle tecniche delezione maggiormente utilizzate nellambito della moderna ipnositerapia, e certamente rappresenta una delle tecniche più proficue nel contesto del counselling psicologico e della psicoterapia. Questa tecnica può essere considerata fondamentalmente come un approccio centrato sul cliente, e focalizzata sulla scoperta o l’individuazione dellorigine traumatica delle problematiche psicologiche esperite nel presente. La tecnica di ipnosi regressiva sfrutta essenzialmente le proprietà ipermnestiche della trance ipnotica, ovvero la possibilità di recupero di ricordi obliati o rimossi, e la sua capacità di consentire la regressione mentale nel tempo (come un viaggio a ritroso nel passato). Attraverso il processo ipnoregressivo, grazie al maggiore contatto tra sfera conscia (ciò che psicoanaliticamente potremmo definire lIo mentale, l’Ego-Coscienza) e inconscia determinato dalla trance ipnotica, in uno stato di funzionamento mentale fluido e di destrutturazione del blocco energetico (determinato da un processo che Freud chiamò censura) fra i domini dellapparato psichico, spesso la mente inconscia è in grado di localizzare la causa originale (anchessa inconscia) di un effetto conscio (di cui lindividuo è quindi consapevole: un sintomo, uno stato di tensione psicologica o di disagio, ecc.) e tangibile (e spesso spiacevole) sperimentato nella propria realtà di vita, ed inviare linformazione alla mente cosciente del soggetto: pertanto, questo processo fornisce al cliente, professionalmente supportato dall’ipnoterapeuta (preferibilmente uno psicoterapeuta, dunque uno specialista che abbia un’adeguata formazione psicologica e psicoterapeutica e una formazione accreditata in ipnositerapia), lopportunità di analizzare e rielaborare le emozioni e i sentimenti originali associati alla specifica esperienza o causa remota.

La dinamica della regressione ipnotica può seguire fondamentalmente due percorsi:

- la rievocazione dissociata

- la rivivificazione degli eventi

Nella rievocazione dissociata ipnoregressiva, il soggetto recupera i ricordi e li rievoca osservandoli da una posizione esterna, come osservatore, senza sperimentarli in prima persona: sostanzialmente il soggetto rivede sé stesso e gli eventi dallesterno.

Nella rivivificazione ipnoregressiva il soggetto rievoca fatti ed esperienze rivivendoli emozionalmente e percettivamente con lausilio di tutti i sensi: in altre parole il soggetto rivive pienamente le esperienze rievocate con una percezione sensoriale ed emozionale diretta, quindi con pieno coinvolgimento.

Il processo ipnoregressivo può essere considerato come una dinamica molto delicata, pertanto dovrebbe essere utilizzato con elevata professionalità e competenza. In particolare il counsellor ipnologo dovrebbe utilizzare una tecnica accurata e molto attenta, così da evitare il condizionamento del soggetto, e lo sviluppo di una sindrome da falsa memoria. In altre parole, è molto importante che nella conduzione del processo il counsellor sia particolarmente accorto nellevitare lutilizzo di suggestioni che possano determinare lo sviluppo di falsi ricordi.

 

 

 

PLR Past life regression

(Regressione alla vita passata)

 

 

In generale, la tecnica di Past life regression (PLR) corrisponde a una varietà di metodi che consentono il recupero di ricordi di esperienze che hanno avuto luogo in altri periodi di vita.

 

Per la precisione la PLR è una forma di trattamento psicologico emerso nel corso degli anni '60 del secolo scorso, fondamentalmente sviluppatosi e formalmente ufficializzato negli USA, basato sul presupposto che alcuni disagi psichici ed emotivi attuali affondino le loro radici nel terreno di esperienze e vissuti traumatici irrisolti risalenti a precedenti periodi di vita (in particolare l'infanzia) o perfino a vite precedenti.

In particolare, generalmente gli ipnologi usano l'ipnosi (e talvolta qualche altra tecnica) per condurre il paziente a uno stato alterato di coscienza (in questo caso la trance ipnotica) che permette all'individuo di recuperare e rievocare più agevolmente (superando lostacolo della censura operata dalla mente cosciente) gli eventi traumatici rimossi: successivamente, attraverso lutilizzo di specifiche tecniche di conduzione, lipnologo guida il paziente, attraverso un processo di rielaborazione, ristrutturazione ed integrazione costruttiva ed adattiva delle esperienze rievocate nellambito della sua personalità globale e nel contesto del suo cammino evolutivo individuale.

 

Personalmente, quando utilizzo il termine di questa utile ed efficace tecnica ipnotica nel suo nome omologo in lingua italiana, preferisco attenermi rigorosamente alla traduzione letterale dallinglese, ovvero Regressione alla vita passata, evitando lutilizzo di un altro termine più diffuso ma meno accurato nella traduzione, come regressione alle vite precedenti. Il motivo per cui opto con decisione per lutilizzo del primo e più generico termine è semplice: pur essendo convinto, sulla scorta di innumerevoli evidenze empiriche raccolte e di studi accurati svolti da molti affidabili ricercatori e scienziati, della realtà di un cammino evolutivo spirituale che non si limita a una singola esperienza di incarnazione terrena ma bensì consiste di un ciclo di vite e di rinascite, mi allineo con la posizione di altri autori secondo i quali, pur avendo finora raccolto un ampio corpus di prove empiriche che convergono a sostegno dellipotesi della reincarnazione, la realtà oggettiva di questa non potrà mai essere inconfutabilmente provata. Nonostante questo margine di incertezza, che tuttavia in effetti caratterizza ogni teoria finora enunciata, ritengo di annoverarmi fra i teorici assertori dellipotesi della reincarnazione, fermo nella convinzione che il nostro cammino terreno rappresenti una parentesi significativa nellambito di un cammino evolutivo spirituale esteso, che si dipana secondo un processo di causa-effetto (Karma), verso la meta dellindividuazione e della perfezione nella Fonte della Creazione.

 

Fondamentalmente, la tecnica ipnotica di Regressione alla vita passata (PLR) si configura come tecnica terapeutica psicologica indirizzata all'insight (cioè la presa di coscienza o consapevolizzazione di contenuti inconsci), alla crescita psicologica ed alla guarigione. Il processo di ri-sperimentazione di eventi di vita passata in qualche modo traumatizzanti, spesso produce cambiamento e guarigione: pertanto lobiettivo ultimo di questa tecnica di regressione ipnotica, che agisce illuminando nelloscurità dei ricordi celati nelle profondità e nei meandri dalla mente inconscia, è rappresentato dal tentativo di produrre conoscenza, saggezza e comprensione costruttiva degli aspetti più profondi della personalità e del carattere dellindividuo, ed il progresso nel raggiungimento della completezza e dellindividuazione del Sé.

 

Sebbene la Regressione alla vita passata sia una tecnica antichissima, che addirittura potremmo fare risalire al IV sec. A.C., quando Patanjali, l'antico filosofo indiano che codificò lo Yoga, insegnava come le vite precedenti potessero essere rievocate attraverso la meditazione, la PLR fece il suo nuovo ingresso in tempi moderni intorno agli inizi del XIX sec. con Albert de Rochas, un colonnello francese che praticava l'ipnotismo. Più recentemente, nel secolo scorso, durante gli anni '60, Dick Sutphen, un "terapeuta americano della vita passata", ha reso popolare l'uso terapeutico di questa tecnica. Raymond Moody, il famosissimo sensitivo americano, autore del libro "Life after Life" che dettagliava esperienze vicine alla morte (NDE, near death experiences) ha pure contribuito alla conoscenza del metodo con il suo volume "Coming Back", nel quale descriveva nove delle sue vite precedenti. Alla diffusione della conoscenza internazionale di questa potente tecnica terapeutica ha certamente e massimamente contribuito, negli anni più recenti, lo psichiatra statunitense Brian Weiss, grazie alla notevole tiratura della sua produzione letteraria, di genere essenzialmente narrativo ma non scientifico. Tuttavia, ancor prima che lesistenza della PLR venisse a conoscenza del grande pubblico, grazie alla notevole tiratura di queste opere narrative, la stessa tecnica era già consolidata da parecchi anni, grazie allopera di altri specialisti statunitensi che la praticavano estensivamente ancor prima che Weiss scrivesse i suoi libri (per esempio, Netherton, Wambach, Fiore, e altri.). La tecnica di PLR viene oggi usata da svariati psicologi e psicoterapeuti in tutto il mondo, quale strumento terapeutico efficace e mezzo potente di indagine psicologica.

 

La credenza nella reincarnazione affonda le proprie radici nella storia dellumanità, costituisce un aspetto standard di molte forme di metafisica ed è parte di molti sistemi religiosi, soprattutto quelli orientali (lInduismo, la Cabala ebraica, il Buddismo, e perfino il primo Cristianesimo). Tuttoggi moltissime persone al mondo nutrono la convinzione delle reincarnazione, basandosi su una pura questione di fede o su un background di conoscenze culturali e scientifiche. Se accettiamo il concetto di reincarnazione, ne consegue che deve esistere un metodo in grado di far luce sul ciclo di morti e rinascite e consentirci di acquisire un livello di conoscenza sulle nostre vite precedenti, nel continuum delle nostre esistenze.

 

Oggi, la costellazione di sistemi utilizzati a tale scopo è nota con il nome di Past life regression (Regressione alla vita passata). In tale contesto, l’“Ipnosi regressiva alla vita passata costituisce una delle tecniche delezione di analisi psicologica e consapevolizzazione. Il concetto di Karma costituisce il concetto chiave dellanalisi psicologica mediante la PLR, e sta alla base della spiegazione per cui ogni identità spirituale ha generato ogni aspetto e circostanza della propria vita. Il Karma rappresenta la somma totale delle cause che ogni individuo ha generato e mobilitato durante il complesso dei suoi periodi di vita precedenti. In particolare, il principio di causa-effetto del Karma spiega che ogni attività dellindividuo, pensieri, atteggiamenti, emozioni e atti, si accumulano sommativamente e secondo un principio universale, come causa degli effetti salienti delle future incarnazioni.

 

Attraverso la pratica della Regressione ipnotica alla vita passata lindividuo può allargare la propria consapevolezza sui suoi tratti peculiari di personalità, le origini di alcune malattie organiche e di condizioni psicopatologiche disfunzionali, sulle radici profonde di particolari inclinazioni, preferenze, interessi professionali, sulla natura di schemi mentali, comportamentali e relazionali ricorrenti (coazione a ripetere), e sugli scopi sottili della propria esistenza. La tecnica ipnotica di PLR si configura quindi come una forma di trattamento psicologico olistico, indirizzata ai processi mentali, organici, emozionali e spirituali. Essa fondamentalmente agisce attraverso il processo regressivo dellindividuo (naturalmente questo è riferito alla dimensione mentale e temporale e non al meccanismo psichico difensivo) che può essere raggiunto essenzialmente a due livelli (a un grado dissociativo, osservando gli eventi come dallesterno, oppure in forma di rivivificazione, sperimentando gli eventi e i vissuti in forma globale percettiva-emozionale), consentendo lesplorazione di periodi di vita antecedenti, allo scopo di chiarire o risolvere difficoltà e disagi sperimentati nel tempo presente. Il processo regressivo viene facilitato e guidato dallipnologo (certamente un operatore competente con specializzazione nel campo delle professioni di aiuto e della salute mentale) che può indirizzare lo stessa secondo una dinamica che terrà conto delle problematiche del cliente e degli obiettivi del rapporto di counselling. La dinamica di regressione PLR potrebbe essere per esempio stadiale, ovvero prima condurre a precedenti periodi evolutivi della vita presente (per es. adolescenza, fanciullezza, infanzia), poi nellutero materno, quindi prima della nascita, per proseguire a tempi di vita precedente; oppure diretta, cioè volutamente indirizzata a uno specifico periodo di vita antecedente.

Lopportunità di rivedere e risperimentare cicli e schemi comportamentali ricorrenti nel corso di molti tempi di vita passata, consente di acquisire una maggiore e più ampia prospettiva sui propri unici e peculiari conflitti, paure, errori, abitudini, scelte, speranze, sconfitte, vittorie e speranze. Quando lindividuo vede il suo complementare in un tempo di vita precedente, esibire (sebbene nellambito di differenti esperienze) i suoi stessi o simili comportamenti disfunzionali, e compiere analoghi errori, questi può raggiungere più prontamente la consapevolezza della natura dei cambiamenti necessari per raggiungere un progresso evolutivo positivo nella propria vita.

Le evidenze raccolte nel contesto dellampissima pratica clinica della PLR mostrano che in svariati casi le disfunzioni organiche e le malattie sperimentate in vita, affondano radici profonde che si estendono in altri periodi e dimensioni di vita passata. In tal senso la pratica della PLR può fornire talvolta informazioni significative e importanti per il processo di guarigione di sintomi fisici, oltre che psicologici (quali disturbi dansia, alimentari, dellumore, dissociativi, sessuali e dellidentità di genere, di personalità, dipendenze, ecc.).

 

La ragione fondamentale per intraprendere un percorso di PLR è quindi quella di migliorare e comprendere maggiormente la propria vita, nel tempo presente.

Nella pratica clinica spesso i clienti scoprono che alcuni conflitti e problemi che caratterizzano la loro vita hanno origine da eventi traumatici sperimentati in tempi di vita precedenti. I ricordi di vita passata possono ripresentarsi in svariate forme: talvolta secondo una dinamica percettiva di deja vu, oppure come sogni ricorrenti ambientati in specifici scenari e ambienti oppure riguardanti eventi spiacevoli, oppure ancora sotto forma di fobie più o meno invalidanti, o sotto forma di infondate e inspiegabili paure. Per esempio, in ambito clinico si è spesso rilevato che pazienti con fobie per lacqua, o per le altezze, oppure terrorizzati dallidea di parlare pubblicamente (una forma di fobia sociale), quando ipnoticamente regresse rievocavano ricordi di morti per annegamento, per caduta da grandi altezze, oppure per impiccagione o al rogo. Spesso quando questi traumi di vita passata vengono esplorati, percettivamente ed emozionalmente rielaborati nel contesto del counselling, nel cliente si verifica una significativa riduzione o addirittura la scomparsa della condizione di disagio legata al disturbo fobico. In PLR, attraverso gli stati emotivi e le sensazione fisiche associate a uno specifico problema che affligge il cliente nel contesto della sua realtà di vita presente, questi viene indotto (attraverso il rapport ipnotico e la conduzione controllata delloperatore ipnologo) a localizzare la sorgente o la causa del problema: questo processo spesso conduce alla scoperta di ricordi dolorosi appartenenti al contesto di una vita passata. Nella dinamica della PLR, generalmente il cliente nella specifica personalità individuata nel contesto di una determinata vita passata, viene guidato a rievocare o rivivificare lesperienza traumatica in quel tempo di vita, e successivamente attraverso lesperienza di morte. Nella dinamica della PLR il counsellor deve necessariamente assistere il cliente nel processo di rielaborazione e ristrutturazione degli aspetti emozionali residui legati alle esperienze traumatiche, e nella ri-sintesi interiore ed integrazione costruttiva (alla situazione di vita attuale) di tutti quegli aspetti relativi ai periodi di vita passata rievocata, che hanno convogliato elementi e vissuti di incompletezza nel tempo presente. Attraverso la PLR molti conflitti e problematiche emotive sono efficacemente risolti nel corso di poche sedute di counselling psicologico, e spesso in tempi più brevi rispetto alla terapia convenzionale. Svariate afflizioni organiche possiedono una connotazione psicosomatica: nella pratica clinica della PLR è stato sovente riscontrato che anche queste condizioni possono cominciare a diminuire in intensità o addirittura cessare.

 

Se da un lato la tecnica PLR può essere terapeuticamente efficace, e nel suo contesto è altresì elevata la possibilità che particolari eventi ricordati siano effettivamente attribuibili a contesti di vite precedenti (come i risultati di studi oggettivi supportati da indagini storiche e anagrafiche farebbero supporre), daltro lato dobbiamo anche accettare la possibilità che le esperienze e gli episodi rievocati di vite precedenti non siano oggettivamente collegati ad alcuna vita passata reale. Ciò che un individuo sperimenta nel processo della PLR potrebbe corrispondere al risultato di un messaggio che la mente inconscia invia al dominio conscio dellapparato psichico. In altre parole, in alcuni casi lo stato nevrotico può determinare un livello significativo di blocco emozionale, per cui la sfera mentale consapevole non recepisce i messaggi profondi che gli vengono dallinconscio (ossia, il dominio dellapparato psichico i cui contenuti sono energeticamente bloccati alla libera esplorazione e allaccesso della mente consapevole, se non attraverso uno scambio metaforico e mascherato nel sogno, intuitivo nello stato di coscienza vigile, e più libero e diretto nella trance ipnotica): in alcuni di questi casi (ovvero di refrattarietà allo scambio intuitivo della mente conscia con la sfera mentale inconscia), quando la mente inconscia si crea un varco (ad esempio nella trance ipnotica) invia messaggi simbolici che vengono recepiti come esperienze e impressioni di una vita passata. A meno che il ricordo esperienziale di una vita passata corrisponda a mera fantasia, esso potrebbe essere determinato o da un messaggio metaforico della mente inconscia, oppure dal ricordo effettivo di unesperienza di vita passata. Esistono strategie di controllo e valutazione semplici, che il consulente ipnologo esperto può utilizzare per stabilire con buona approssimazione se il ricordo recuperato corrisponda a una probabile vita precedente, oppure a un messaggio inviato dal dominio mentale inconscio così che la persona possa in qualche modo coglierne intuitivamente il significato, utile per il suo progresso e la sua crescita psicologica.

In entrambi i casi, sia che si tratti del ricordo di un'effettiva vita precedente o no, sicuramente lesperienza del ricordo è reale, pertanto in ogni caso, da un punto di vista terapeutico è fondamentale che lo psicologo counsellor o lo psicoterapeuta si adoperino con tutti i mezzi per chiarificare e far riflettere il cliente su quale possa essere la lezione o il significato profondo dellesperienza rievocata da una vita precedente, e in che modo essa possa connettersi o integrarsi costruttivamente con le realtà della sua vita attuale. Altrimenti, logicamente, il mero e semplice ricordo in sé di unesperienza di vita passata, costituirebbe niente più che una mera curiosità se il cliente non ne ricavasse intuitivamente, creativamente, e infine razionalmente, un significato profondo e utile per la sua vita, di cui fare un uso costruttivo e psicologicamente evolutivo.

Pertanto, in linea di massima le motivazioni sottese alla decisione di intraprendere un percorso di counselling PLR potrebbero essere le seguenti:

chi crede nella reincarnazione potrebbe decidere di dedicare il proprio tempo allesplorazione di vite precedenti, allo scopo di scoprire quali errori abbia commesso nel suo passato spirituale, così da raggiungerne la consapevolezza ed evitare lesigenza coercitiva (secondo un meccanismo di coazione a ripetere) di replicarli per apprendere in questa vita o addirittura in quelle future, quelle penose lezioni che ancora non ha appreso e che ne derivano quale effetto

chi non crede nella reincarnazione, potrebbe decidere di intraprendere delle sedute di consulenza PLR basandosi sul concetto che la mente inconscia, nello stato di trance ipnotica indirizzato alla dinamica regressiva remota, invia particolari messaggi alla mente conscia individuale, la cui analisi del significato e il suo successivo utilizzo costruttivo, potrebbero portare alla scoperta ed alla presa di coscienza di aspetti psicologici utili per la propria crescita e per il proprio benessere.

In ogni caso è molto importante notare che la credenza nella reincarnazione non è affatto necessaria affinché una consulenza psicologica condotta con tecnica PLR sia significativamente efficace: in effetti lefficacia della tecnica è largamente determinata dalla sua capacità di elicitare labreazione catartica (il rilascio emozionale di contenuti ideativi ad alta valenza affettiva, incapsulati da esperienze traumatiche, attraverso la vivida reminescenza e il linguaggio) congiuntamente allindispensabile utilizzo successivo ed effettivo, nella realtà di vita individuale, della conoscenza dei significati acquisiti attraverso lesercizio della stessa tecnica. Pertanto, a prescindere dal successo della dinamica regressiva in sé e per sé (cioè il raggiungimento di un grado sufficiente di trance ipnotica, e la rievocazione di eventi salienti), il successo terapeutico è largamente influenzato dalla capacità di sintesi e di analisi psicologica individuale (quella del cliente), e dalle capacità e dalla preparazione professionale e psicologica del counsellor a guidare il cliente in questo processo, mobilitando le sue risorse creative consce e inconsce. In altre parole, da un punto di vista terapeutico la semplice regressione e rievocazione ipnotica PLR non sono significativamente efficaci, se il counsellor non è abbastanza abile ad elicitare un processo catartico ed abreativo, con la rielaborazione, la ristrutturazione e la sintesi psicologica costruttiva dei significati emersi, nel senso di una loro integrazione positiva nella realtà di vita del cliente, al fine di una sua crescita psicologica: soltanto questo processo di abreazione e ristrutturazione psicologica possono alleviare il malessere organico e mentale, e incentivare la creatività, levoluzione e il successo della persona.

Pertanto, attraverso la lezione dal passato, lesplorazione PLR deve fondamentalmente produrre semi di crescita e di guarigione, che arricchiscano la persona e la aiutino a vivere costruttivamente, funzionalmente e adattivamente nel presente.

 

 

“Incontaminato si erge dal fango il fiore di loto,

        finalmente meraviglioso e puro,

                        libero

              protende i petali verso il cielo”

                                          

 

                                           

 

                                                                              

 

 

 

Su specifica richiesta Dott. Viola utilizza la tecnica dell’ipnosi regressiva e della PLR, seguendo il processo terapeutico illustrato nella sezione “Consulenza ipnoterapica” (per informazioni clicca sul link o contatta).

 

 

 

Altri approfondimenti sull’ipnositerapia clinica


 

 

I contenuti di questa pagina web sono protetti da diritti copyright: ne è pertanto vietata la riproduzione. Riferimenti a stralci e brevi estratti dal testo sono consentiti soltanto a condizione che essi si rifacciano palesemente all’autore, menzionandone il nome e l’opera, secondo le regole codificate per la redazione dei riferimenti bibliografici. In questo caso specifico tali riferimenti sono i seguenti:

 

Viola, A. (2005). Modelli recenti di ipnositerapia, ulteriori sviluppi teorici e ultime interpretazioni neurofisiologiche dell’ipnosi, in Manca Uccheddu, O. e Viola, A., Ipnosi e suggestione in psicoterapia. Milano: Giuffré editore.

 

Viola, A. (2005). L’ipnosi regressiva, in Manca Uccheddu, O. e Viola, A., Ipnosi e suggestione in psicoterapia. Milano: Giuffré editore.

 

Viola, A. (2005). Ipnosi regressiva e PLR.

Dal web, in http://digilander.libero.it/Antonello_Viola_Dott/ipnoregressiva.htm

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Ipn&Sugg

 

Dr. Viola, psicologo-psicoterapeuta, è coautore del libro “Ipnosi e Suggestione in Psicoterapia: negli ultimi capitoli di questo saggio Dr. Viola argomenta l’utilizzo della tecnica ipnotica in ambito clinico e psicoterapeutico. In particolare approfondisce il tema dell’utilizzo dell’ipnosi regressiva a scopo psicoterapico, puntualizzandone vari aspetti applicativi.

 

Dr. Viola è uno psicologo–psicoterapeuta con una formazione aggiuntiva in ipnositerapia (360 ore): utilizza il metodo ipnotico, nelle sue molteplici tecniche, quale strumento integrativo di psicoterapia, per la cura e la riabilitazione.